La Sapienza aderisce al Manifesto dell’Università inclusiva

Dopo aver ospitato la presentazione ufficiale del “Manifesto dell’Università inclusiva”, l’Università degli studi Sapienza di Roma ha aderito al documento programmaticopromosso dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR)L’obiettivo fondamentale è quello di favorire l’accesso dei rifugiati all’istruzione universitaria e alla ricerca, promuovendone l’integrazione sociale e la partecipazione attiva alla vita accademica.

L’importanza dell’educazione universitaria nel processo di autonomia e integrazione dei giovani beneficiari di protezione internazionale rappresenta infatti uno strumento fondamentale in grado di accompagnare l’inserimento sociale dello straniero e di sostenere lo sviluppo della sua vita personale e di relazione, aiutando lo stesso a raggiungere una piena autonomia anche dal punto di vista culturale e professionale.

Sono significative, al riguardo, le esperienze di molti studenti rifugiati che hanno condiviso le loro storie e raccontato dei percorsi di studio intrapresi lontano dai rispettivi paesi d’origine in occasione del Seminario “L’impegno delle Università per i rifugiati”. Quest’ultimo, organizzato dall’UNHCR in collaborazione con il Master in Tutela internazionale dei diritti umani, il Corso di formazione su Rifugiati e migranti e il Corso di alta formazione sul Ruolo delle donne nei processi di pace, ha visto la partecipazione di rappresentanti del Ministero dell’Interno, del MIUR, del MAECI e di varie Università italiane. È in occasione di tale evento, ospitato dal Rettorato dell’Università Sapienza, che è stato annunciato pubblicamente il Manifesto dell’UNHCR, a cui hanno aderito finora oltre 20 Atenei di tutta Italia.

All’interno di questa giornata di dialogo e confronto, sono state presentate e discusse le buone prassi realizzate a livello locale in materia di inclusione dei rifugiati nei contesti accademici, che le Università e i Centri di ricerca firmatari del Manifesto si impegnano a sviluppare e migliorare nel tempo, sulla scorta dei sei principi portanti enunciati nel Manifesto – quelli di uguaglianza e non discriminazione, accoglienza, conoscenza, integrazione, valorizzazione delle differenze e partecipazione.

A sostegno dell’iniziativa,il Prof. Sergio Marchisio – già Direttore del Master e dei Corsi - ha sottolineato l’importanza di queste attività di confronto e approfondimento e di tutti i progetti in grado di sviluppare e valorizzare i talenti e le capacità dei giovani rifugiati. 

L’Università Sapienza, che vanta una lunga collaborazionecon l’UNHCR proprio in materia di diritto all’istruzione e integrazione dei rifugiati nel mondo universitario, ha quindi deciso di aderire a questo percorso virtuoso teso a superare i problemi derivanti dalla marginalizzazione, dalla discriminazione e dagli ostacoli di carattere amministrativo-burocratico che spesso impediscono agli stranieri rifugiati l’accesso o la piena partecipazione ai sistemi educativi nazionali. Per far fronte a tali difficoltà, il Manifesto prevede una serie di principi generali e di impegni programmatici attraverso i quali intraprendere e ampliare attività e programmi a favore di studenti rifugiati, come servizi di informazione e tutoraggio, riconoscimento dei titoli conseguiti all’estero, borse di studio e corridoi universitari per l’ingresso legale di studenti rifugiati residenti in Paesi terzi. 

Con la sua partecipazione all’iniziativa dell’UNHCR, l’Università Sapienza ha ribadito l’importanza della dimensione sociale dell’istruzione quale risposta concreta ed efficace alle condizioni di esclusione in cui vivono ancora oggi molti giovani rifugiati, nonché il proprio impegno nell’offerta di opportunità formative agli stessi. Un vivo ringraziamento al Magnifico Rettore, prof. Eugenio Gaudio, al Consiglio di amministrazione e all’Ufficio internazionalizzazione della Sapienza che hanno portato a termine il percorso di adesione. 

 

Per ulteriori approfondimenti:

Leggi il Manifestodell’UNHCR. 

Vedi il servizio di Rai News e le Foto dell’evento.

2018  ©  Sapienza Università di Roma